Il diritto all città: senzatetto e senza cittadinanza

Allora, se da er caso che si a’ gente che te giudica come n’invisibbile, nessuno se cura de vedè quello che fai davero. Specialmente quanno quello che fai so piccole cose, che però nun so piccole manco pe gniente. Quanno sei parte dell’esclusi, uno difficirmente s’accorgerà de quello che davero stai a fa. Sta cosa se potrebbe di che dipenne da na cosa strana che se chiama ideologgia. A vita, se dice che, viene vissuta e osservata co n’angolo da e persone e st’angolo nun è gnient’artro che er proprio bagajo curturale- n’poche parole noi scejemo quello che volemo vede e come. Quanno che sei n’barbone (si si, n’famo i rifarditi e chiamamo le cose pe come se chiameno) per esempio, te all’occhi da gente sei zozzo, puzzi de vino, piscio e puzzo de strada. O stesso odoraccio che da n’pò se po sentì pure a Roma. Infatti è stato pure riportato da n’sacco de ggiornali, perfino er Nu Jork Taimms (New York Times) l’ha fatto, dicenno de come a Rome ce sta n’problema ca monnezza. Er degrado de Roma l’hanno chiamato.

Quanno che sei n’invisibilbe, nessuno proprio manco sospetta che te poi fa quarcosa de bono pe sta città bella e li spazzi pubblici. E se da er caso che succede che, tra tutt’a monnezza accumulata che’ nfestava a città, o sforzo de n gruppo de barboni ner pulì e sistemà n’portico vicino San Pietro resta comunque anonimo e invisibile come e persone che stanno a fa sta cosa bella. Questa però vole esse na storia de ottimismo, dentro na città dove tutto e tutti pare esse diventato zozzo.

Se da er caso che sto a fa n’dottorato in architettura (mica pe diventà medico, famose a capí io faccio ricerca in università) e pe sto dottorato sto a lavorà co na comunità de barboni che usa n’area sotto n portico vicino a San Pietro pe dormicce a notte. Mo, er proggetto nun è de interesse. N’poche parole avemo proggettato n’aredo dinamico che po esse sia na panchina pubblica che n’materasso pe dormicce a notte cosicché er barbone nun dorma direttamente sur pavimento. Er proggetto se chiama tʌɪt. È n’acronimo che sta a indica che ogni pezzo de st’oggetto misura 10 cm. O scopo è quello de questionà l’aspetto pubblico dello spazio rispetto a n’idea de tolleranza verso er prossimo e provando pure a trasformà quello spazio in un luogo de incontro tra differenze sociali e curturali. 

Come ve dicevo prima, er proggetto nun è rilevante, piuttosto n’paro de aspetti che so venuti fori durante a ricerca si e in du modi: primo, er fatto che in una città bella dove l’abbitanti pare che nun je ne frega n’cazzo più de gniente, na comunità de barboni ner silenzio generale de tutti, pulisce e sistema ogniggiorno o spazio che viene usato. Secondo, sto sforzo nun è mica perché so libberi, maddechè! Sto sforzo è na tattica de sopravvivenza che j’assicura er fatto de potè continuà a sta la e nun esse mannati via.

A prima volta che l’ho ‘ncontrati, m’ha fatto impressione vede come ogni santa mattina questi pulischeno tutto, pure a merda der cane! E o fanno prima ancora che venga l’AMA a puli a strada. Tra parentesi quanno che presentammo er progetto a Caritas, er fatto che a strada venisse pulita dall’ama è stato er primo problema sollevato. A fine è n’oggetto de cartone riciclato, t’o’mmaggini che ppò succedè co l’acqua?? Comunque, giusto n’po de tempo fa, siccome so ritornato pe n’pochetto a Roma je so andato a fa na visita. Aho, manco le cicche per tera! Usano n’barattoletto de e Pringles come portacenere! Io da fumatore me so sentito male, o sai quante ne butto io per tera!!

IMG_3427

E come preannunciato prima, tutto ciò mica è perché so libberi. È na tattica de sopravvivenza. N’fatti quanno stavamo a parlà co quelli de a Caritas, Monsiggnor Enrico Feroci (er presidente) ce fa:

Ce sta er probblema de vedé sta gente che dorme. L’autorità pubbliche, si pensano che diventa na cosa permanente, me sa che se potrebbero pure stranì! Adesso è tollerata!  

A tolleranza è ‘nfatti a ragione per cui si pori cristi ogni giorno puliscono. A tolleranza come dice er filosofo Slavoj Zizek nun è rispettà l’altrui differenza (sociale o culturale). Te credevi te! No, ‘n realtà è imparasse a nun esse troppo intrusivi dello spazio altrui. Vale a di, uno deve imparasse a nun rompe troppo i cojoni, cioè nun te devi da fa notà troppo. E sotto a quer portico sta tolleranza po esse pure chiamata come totalitarismo compassionevole.  A comunità de barboni la a San Pietro potrebbe esse mannata via in ogni momento ma noi (noi tutti), noi semo bboni, noi semo compassionevoli e tolleranti (finche nun rompono er cazzo e continuano a pulì qu’o spazio!!!)

Mo a cosa divertente è che, co tutto er macello co a monnezza de sti ultimi giorni, Alessandro Gassmann ha twittato #Romasiamonoi, chiedendo a tutti i romani de pulì e strade. Mo arcuni, me compreso, erano entusiasti pe st’opportunità de fa vedè n’po d’orgojo civico. Sarebbe potuta esse n’occasione pe avè un po’ de potere. Na forma d’appropriazione de sta città bella che tacitamente diceva: “Io c’ho er diritto su sta città e c’ho er diritto de falla diventà ‘n posto mijore!!” E invece ‘n sacco de gente a cominciato a lamentasse, a di che loro pagano e tasse (ma davero? cioè ne paga nessuno e mo e pagano tutti eh?) pe li spazzini. Loro so ‘n servizio pagato e devono da pulì a città e nun ce stanno cazzi!

Adesso, quanno sei n’architetto e pure un ricercatore, e a ricerca tua riguarda o spazzio pubblico te capita spesso de ‘ncontrà questioni riguardanti a cittadinanza. A parola significa: “Condizione di appartenenza di un individuo a uno Stato, con i diritti e i doveri che tale relazione comporta.” Poi nell’uso più comune se po di che significhi pure “appartenenza di un individuo a una città: cmilanesefiorentina, ecc.;” Cioè sei un cittadino. Mo sta parola cittadino nun significa solo che te vivi a Roma, ma implica pure na serie de diritti, cioè te sei legalmente riconosciuto come ‘n soggetto che appartiene a na città o a n’intero paese. Io so nato a Roma e so sia italliano che romano.

E però mo qua e cose diventano strane, se complicano ‘n pochetto. Si noi semo cittadini romani perché ce nascemo, po esse che sta storia sia ‘n po’ limitante? Po mai esse che invece non sia solo na cosa ereditata che a Roma equivale a di regalata (e quanno che na cosa t’a regaleno nun te ne frega gniente)? A’a luce der fatto che sta città è stata proprio abbandonata, mica solo dalle Istituzzioni, ma ancor deppiù da li romani che de solito se lamenteno solo quanno na situazione raggiunge livelli ‘nsopportabbili, mica prima, na domanda m’a farei: chi c’ha er diritto de chiamasse cittadino? So semo meritato sto diritto? Allora se da er caso che ce sta no studioso grosso, tale Davidd Arvei (David Harvey) che nel libbro Rebbell Sitis (Rebel Cities) scrive de come sto diritto sia caratterizzato da come a gente voja che a città sia. A città è l’immagine dei desideri, richieste, aspirazioni e bisogni d’a’ gente che c’abita ma pure er riflesso de quello che sta gente effettivamente è. Cioè, nun è tanto solo si a città funziona o no, ma piuttosto de che tipo de’ individui volemo esse. Mo, er Comune co tutti l’artri enti e uffici vari e ppiù de tutto li romani co sta prosopopea de lamentasse e basta hanno negato un diritto a sta città. Er diritto de potè godè de Roma bella! E de falla godè pure all’artri! Hanno mostrato che quello che vojono in realtà esse nun è esse Romani, ma esse n’differenti, egoisti, distaccati ma soprattutto er crimine peggiore secondo me, avete fatto vedè da esse schiavi dello status quo “io pago e tasse, devo ave li servizzi” (ma solo a parole! mica hai fatto ‘n cazzo pe annatte a pija sti servizzi!!) Dall’altro lato ce sta er fatto che o stesso sforzo ‘mpiegato silenziosamente e oggni giorno da na comunità de persone invisibbili vicino er colonnato der Bernini a San Pietro pe garantì a tutti de godenne è lo stesso che hanno messo su internet ‘n sacco de romani. Tutti co e scope ‘n mano a fa vedè quanto so bravi a pulì. L’unica differenza è che siccome a San Pietro so barboni, so pure esclusi, nun li carcola nessuno (e mica che o fanno solo quanno Roma fa schifo, o fanno sempre, pure quanno te che mo stai co a scopa stavi ‘n ciavatte a casa  a grattatte a panza!!!). E sai qual’è a cosa divertente, nun je damo manco er diritto de potè di semo pure noi cittadini romani!

IMG_3428

Io mo na domanda c’avrei: che succederebbe si pe di, così pe dì, o stesso livello de tolleranza riservato pe quei barboni vicino a San Pietro fosse usato pe misurà l’impegno civico de ogni romano a mantenè e a fa mantenè sta città pulita? 

Probbabbilmente sta comunità de barboni vicino la ar Bernini continuerà a esse pure ‘nvisibile però na cosa è sicura, c’avemo tanto da’ mpara da ste persone. E mo lo vojo di, si #Romasiamonoi allora #Romasopureloro!

N’urtima cosa giusto pe favve capí. Quanno li so annati a trovà m’hanno visto smagrito e se so preoccupati. O sapete che hanno fatto, m’hanno regalato da magnà! Regalato!! E se so pure ‘ncazzati perché je volevo da i sordi!! E m’hanno detto, “l’importante è che nun te vergogni de noi!”

IMG_3460

One thought on “Il diritto all città: senzatetto e senza cittadinanza

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.